L'Asia continua a pensare al 6G: inaugurato in Corea centro di ricerca LG

28 Gennaio 2019 21

Se dovessimo raggruppare in macro blocchi geografici le nazioni impegnate nel processo di innovazione delle attuali infrastrutture di rete, potremmo individuare quelli di USA e Asia, in competizione tra loro per attivare al più presto i servizi commerciali 5G, e quello europeo, che cerca di non perdere troppo terreno rispetto ai due sopraccitati mercati.

Che l'Asia avesse una marcia in più nella corsa all'innovazione delle reti lo si era intuito chiaramente alla fine dello scorso anno a seguito delle mosse del governo cinese, già al lavoro sulle reti 6G. Cambiamo oggi nazione, ci spostiamo in Corea del Sud, ma restiamo nello stesso continente parlando del nuovo centro di ricerca di LG inaugurato oggi che si occuperà di portare avanti la standardizzazione e lo sviluppo della tecnologia delle reti 6G.


Si, perché allo stato attuale il 6G è ben poca cosa, al di là di alcune anticipazioni sulle velocità di download al di là di ogni immaginazione - si fa riferimento a ben 1Tbps -; è uno standard che dovrà essere definito e applicato nel corso del prossimo decennio, nell'ambito di un lento processo di transizione dalle reti 5G a quella della generazione successiva. Eppure LG, come più in generale l'Asia, non vuole perdere terreno in un segmento tutto ancora da costruire.

Il nuovo centro di ricerca sorge presso il KAIST institute situato presso Yuseong, distretto di Daejon, e sarà diretto dal professor Cho Dong-ho del dipartimento di ingegneria elettrica ed elettronica del KAIST. Park Il-pyung, CTO di LG, ha dichiarato che il centro rappresenterà un importante strumento per rafforzare la ricerca sulla tecnologia di comunicazione mobile, portare avanti la definizione del nuovo standard 6G a livello mondiale e garantire nuove opportunità di business.

Nell'immediato, LG si appresta ad affrontare al meglio l'era del 5G - novità sono attese al Mobile World Congress di Barcellona - ma il messaggio lanciato dall'azienda coreana e dalla Cina è chiaro: le nazioni che non terranno il passo di quelle che stanno spingendo per accelerare l'evoluzione delle infrastrutture di rete rischiano di perdere occasioni di crescita nei prossimi anni. E si ribadisce questo mentre l'Europa non si è ancora dotata di un quadro normativo armonizzato per rimuovere gli ostacoli alla diffusione dei servizi di rete 5G (si vedano, ad esempio, le disparità nella definizione dei limiti alle emissioni elettromagnetiche) e individua nella fine del 2020 il termine per dare il via alla diffusione su larga scala dei servizi 5G a carattere esclusivamente commerciale.

Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus, in offerta oggi da Gaming Pro a 649 euro oppure da ePrice a 723 euro.

21

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ViCtOrI

Verissimo

Mario Marchese

Il primo paese a introdurre la tecnologia 3G su scala commerciale è stato il Giappone: nel 2005 circa il 40% delle utenze erano esclusivamente su reti 3G e la transizione della maggior parte delle utenze da reti 2G a 3G era prevista per concludersi verso la fine del 2006

Anto

credi male, basta che fai qualche piccola ricerca anzichè credere

Mario Marchese

Nel 2019 ancora stiamo alle gare d'appalto, cmq nel 2008 credo che a malapena esisteva il 3g.

No Maria, io esco!

Beato te

Massimo

secondo te stanno sviluppando ste nuove reti soltanto per guardare video su youtube?:)
in cina hanno appena effettuato una operazione chirurgica con il 5g

efremis

È il mijore di tutti. Antiche leggende dicono che, ancora dentro la pancia, abbia crackato la rete dell'ospedale.

sgru

seigi

Davide Lace

WOW e chi è tuo cugino? :-)

efremis

Interessante. Mio cuggino però ce l'ha già

Giardiniere Willy

L'unica cosa su cui dovete concentrarvi è una tecnologia che abbia le velocità del 5g, la stabilità della fibra, copertura eccezionale, segnale ottimo, consumi ridicoli, latenze di pochi ms e che non crei problemi a livello ecologico/sanitario.

Per il resto, su uno smartphone le velocità del 4g sono già ottime. I 100/50mbit bastano per fare tutto. Migliorate le tecnologie laddove ne hanno davvero bisogno. Voglio una copertura della mad0nnn4, che prende pure sotto tre metri di piombo, un autonomia di 2 mesi e una stabilità che pure con un tornado in corso ci posso guardare il live di Twitch in 4k hdr

ADM90

Io 3G lo becco ovunque. Il 4G NO

No Maria, io esco!

E in Italia sarebbe già tanto beccare il 3g ovunque

ice.man

chissa se questo significa che Lg approfitterà del 6G per entrare nella partita dei produttori di MOdem
del resto oggi è li che si fa la il grosso della differenza, per il resto si va di design ARM con piccole customizzazioni
considerato poi che ARM licenzia il design a tutti.....ma se poi ti devi comprare modem esternamente.....servono a poco (vedi casini di Apple nella causa con Qualcomm)

pedrosw

Non c'è niente di strano, il 5G è già stato standardizzato da mesi è normale che siano già a lavoro sulla generazione successiva, mica possono starsene con le mani in mano

Anto

Per quelli che ora si lamenteranno scrivendo "eh..neppure è ancora arrivato il 5g!!111!!"
Ricordo che si cominciò a parlare di 5g nel 2008, quindi tranquilli e pace

Top Cat

Caspita se sono avanti!

Wow!

Aster

Mi fa piacere per loro.

LAM

Ennamisè le core oh

BoORD_L

ok co' ?

Aster

ok

LG G8X ThinQ ufficiale: a IFA 2019 il Dual Screen è più maturo | Video

5G in Italia: Samsung Galaxy S10 vs Xiaomi Mi Mix 3 vs LG V50

Recensione TV LG OLED55B8PLA: il campione del rapporto qualità/prezzo

Recensione LG V40 ThinQ: un bel prodotto ma arriva tardi in Italia